D1

Usare WordPress per il lavoro di gruppo: prime impressioni

on November 3 | in Portfolio, Ricerca | by | with Comments Off on Usare WordPress per il lavoro di gruppo: prime impressioni

Utilizzando un template WordPress ad hoc e prendendo a modello il lavoro svolto da Cottica con Wikicrazia, stiamo cercando di organizzarci con il team di SchoolRaising.

Come al solito i presupposti sono i soliti: lavoro a distanza e asincrono. Necessità di avere documenti condivisi e uploadare immagini, allegare file e link. Calendario.

Sulla bacheca del blog ho ipotizzato una struttura di lavoro che per ora sembra essere stata accettata da tutti. Essendo il blog privato, ripubblico qua sotto parte di quel post, mentre in fondo azzardo qualche prima osservazione.

_________________________________________________________

“Ciao ragazzi,

vediamo se attraverso l’ausilio di uno schema semplice semplice riusciamo ad ottimizzare al massimo le possibilità del blog. (cliccate sulle immagini per ingrandirle)

Prima di tutto una presentazione degli strumenti:


Bacheca: sulla bacheca vengono pubblicati i post in ordine cronologico dal più recente al meno.

Post: è un articolo, in cui è possibile inserire immagini, link ed altri file, oltre che video da youtube.

Categorie: ogni post può essere associato ad una diversa categoria, nel nostro caso la categoria è un area di lavoro

Tag: ogni post può essere associato ad una o più parole chiave

Pagina: è un articolo normalmente utilizzato per argomenti da tenere sempre a vista, tipo “il chi siamo” o cose del genere. Qui lo utilizzeremo per scrivere lo stato dell’arte di alcune aree di lavoro che ci seguiranno per tutto il progetto.

Archivio Ricerche: sono le pagine che visualizzano l’elenco dei post di una determinata categoria o tag.

Commenti ai post: servono a creare conversazione attorno agli argomenti dei post. Non possono essere taggati o categorizzati ne contenere immagini o allegati.

Commenti alle pagine: visto che gli ultimi commenti vengono visualizzati sulla home (a destra) i commenti alle pagine serviranno per segnalare l’aggiornamento della pagina (per es. “Pietro on Mission” indica che Pietro ha commentato la sua pagina con “aggiornata la mission secondo le indicazioni di Gianluigi”)

Ora la presentazione dei 2 tipi di utenti:

Responsabile pagina/categoria:


  • è colui che si occupa di raccogliere i suggerimenti e le opinioni del gruppo su una determinata area di lavoro. La pagina verrà modificata a seconda della pertinenza o meno dei suggerimenti
  • Il responsabile pagina si avvale della ricerca per categorie per visualizzare gli interventi inerenti alla propria area di lavoro, controllando anche eventuali commenti alla pagina
  • Il responsabile aggiunge un commento alla propria pagina ogni volta che la aggiorna, indicando dove ha eseguito le modifiche.

Membri non responsabili:


  • cioè chi nel team non è responsabile di una determinata area in questione
  • Aggiungono post indicando la categoria (se non appartiene ad una categoria in particolare lasciatela come Uncategorized) e le tag
  • Commentano i post altrui quando vogliono innescare un dibattito

_________________________________________________________

Prime osservazioni.

Il modello è frutto di una prima settimana di utilizzo anarchico del blog.
Osservando le abitudini del team ed unendole allo schema mentale che mi ero prefissato (come in questo esempio della scrittura partecipata di Wikicrazia), è uscita questa soluzione che utilizza le categorie dei post pubblicati in bacheca per dare forma alle pagine.
Pregi:

  • l’alta flessibilità e semplicità del cms wordpress lo fa preferire ad un forum o a google docs (i principali competitors per questa prima fase a costo zero)
  • tutto il lavoro viene salvato e risulta già impostato per una futura pubblicazione in modalità pubblica, per avere uno storytelling del processo di progettazione
  • imparare a muoversi su Wp è uno skill importante in più per tutti i componenti del gruppo

Difetti:

  • Si possono pubblicare post direttamente dalla bacheca, però bisogna rinunciare alla formattazione del testo, al titolo, ad inserire immagini (se non via html) e categorie. Resta la possibilità di aggiungere tag ed avvisare via mail i componenenti del gruppo dell’avvenuta pubblicazione
  • Vice-versa se si inseriscono post dal backstage, non vi è la possibilità di avvisare via mail. Stessa cosa per i commenti (come normale).

[Ho ovviato a questi due problemi usando il plugin Post Notification]

Non è facile creare un ambiente di lavoro confortevole e facile per tutti, soprattutto quando il gruppo di lavoro è molto disomogeneo per settori e competenze, e gli incontri di persona avvengono una volta al mese.

Per questo con una piattaforma come Wp, potrò andare incontro alle richieste del team man mano che i lavori vanno avanti. Vorrei arredare questo spazio virtuale come un laboratorio dove tutti possano muoversi a proprio agio.

Pin It

Comments are closed.

« »

Scroll to top